Vol. 2 – San Tommaso D’Aquino spiega il Santo Amore (Holy Love)

"Gesù ci descrisse il Cielo quando camminò sulla terra, come una gemma preziosa che vale più di qualsiasi cosa - una gemma così preziosa per la quale dovremmo rinunciare a tutto ciò che possediamo per averla. Quella gemma, veramente il Cielo stesso, è il Santo Amore
 

San Tommaso d’Aquino

Le Camere degli Cuori Uniti

La Prima Camera dei Cuori Uniti di Gesù e Maria. È l’Immacolato Cuore di Maria, il Santo Amore (Holy Love)

San Tommaso D'Aquino - Santo Amore *Holy Love)14 gennaio 2002 –  Giunge San Tommaso d’Aquino. Egli dice… “Sia lodato a Gesù. Sono venuto per presentare al mondo la Prima Camera dei Cuori Uniti di Gesù e Maria. È l’Immacolato Cuore di Maria, il Santo Amore (Holy Love). È la Volontà di Dio. Gesù ci descrisse il Cielo quando camminò sulla terra, come una gemma preziosa che vale più di qualsiasi cosa – una gemma così preziosa per la quale dovremmo rinunciare a tutto ciò che possediamo per averla. Quella gemma, veramente il Cielo stesso, è il Santo Amore. Sì, il Santo Amore è così prezioso… così importante. Perché senza il nostro “sì” al Santo Amore non c’è salvezza. Il Santo Amore è le due grandi leggi d’amore: amare Dio sopra ogni altra cosa e il vostro prossimo come sé stessi. Questi sono i comandamenti che Gesù ha detto che dobbiamo seguire se vogliamo raggiungere il Cielo. Quando iniziate a leggere questi messaggi, quando cominciate a vivere questi messaggi, vi renderete conto che il Santo Amore è Il Cielo sulla terra. La pace del mondo è stata affidata al Cuore Immacolato di Maria a Fatima. La pace del mondo dipende dai vostri sforzi per vivere nel Santo Amore e per diffondere questi messaggi. Vi aiuterò.”

Le Camere dei Cuori Uniti - Santo Amore (Holy Love)

 

C’è una differenza netta tra l’ammonire il peccatore e il criticismo

7 gennaio 2002 – “Sia lodato Gesù. Sono venuto a confermarvi che c’è una differenza netta tra l’ammonire il peccatore la quale è un’opera spirituale di misericordia e il criticismo. Il primo nasce come un monito amorevole progettato per edificare il Corpo di Cristo. Il criticismo è un giudicare che nasce da un cuore tumultuoso e che porta il frutto della disunione. Il criticismo si forma in un cuore che non cerca il benessere del suo obiettivo, ma immagina i motivi delle azioni e li accetta come Verità. Il cuore che non riconosce questo criticismo negativo essere un’ispirazione malvagia è facilmente ingannato col credere che la sua critica sia un ammonimento progettato per costruire piuttosto che demolire. Qui vi è una linea sottile di discernimento, ma una grande differenza nei frutti di ogni azione. Un ammonito amorevole può essere facilmente accettato e attuato. Una critica negativa ferisce e favorisce il risentimento. Ecco perché ogni anima deve imparare ad agire e a parlare soltanto con il Santo Amore (Holy Love)”.

 

Attraverso questo amore disordinato al male, l’anima coopera col male

21 gennaio 2002 –  San Tommaso d’Aquino. Inchina la testa per salutarmi e dice… “Mi inchino a te per il Cristo Vivente che abita all’interno del tempio del tuo cuore. Tutte le lodi a Gesù. Sorella mia, oggi ci sono molte distrazioni nella tua vita. Gesù desidera che consacri il tuo giorno al Santo Amore. Mi manda a ripetervi questa preghiera:

“Padre Celeste, io consacro il mio cuore in questo momento presente al Santo Amore. Tienimi conscio di questo durante tutto il giorno, così che tutti i miei pensieri e tutte le mie azioni procedano dal Santo Amore. Copro questa richiesta con il Sangue Preziosissimo di Gesù, tuo Figlio, e la circondo con le Lacrime della Madre Addoloratissima. Amen.

“Tu vedi, che quando si commette un peccato è perché l’anima ama il peccato più di Dio e del prossimo. Attraverso questo amore disordinato al male, l’anima coopera col male. Ciò è così nel peccato dello spettegolare, della detrazione e del giudizio avventato, proprio come è con qualsiasi peccato. L’anima potrebbe essere caduta nell’abitudine segreta al peccato, quella delle critiche negative sugli altri nei suoi pensieri. In questo modo collabora con lo spirito malvagio della critica, e presto lo sarà anche nelle sue parole e nelle sue azioni. Lo spirito di critica viaggia spesso in gruppo con lo spirito del rifiuto, del perfezionismo, del non perdonare e con altro. Questo è il motivo per cui stare in guardia sui vostri pensieri è così importante. Per ciò che le forme nei vostri pensieri prendono facilmente il sopravvento su tutto il cuore (Se ne va…).”

 

Questo è il tutto e la somma della santificazione: l’abbandono fiducioso alla Divina Volontà di Dio in ogni momento presente

26 gennaio 2002 – “Sia lodato Gesù. sorella mia, questo è il tutto e la somma della santificazione: l’abbandono fiducioso alla Divina Volontà di Dio in ogni momento presente. In questa fiducia vi è amore. In questo abbandono vi è umiltà. Nell’amore, l’umiltà e la conformità alla volontà di Dio è la rinuncia di sé. L’anima che tende alla santità deve rinunciare completamente a ciò che vuole per ciò che Dio vuole. Egli mette Dio al centro del suo cuore e sradica sé stesso. È impossibile per chi è egocentrico raggiungere le vette di questo abbandono, perché vede tutto nel modo in cui influisce su sé stesso. Cerca di guadagnare per sé in tutto. Confida in sé stesso più che in Dio, poiché il suo amore per Dio è imperfetto. La sua esistenza ruota intorno al suo benessere e non a ciò che Dio vuole per lui. L’anima che persegue la santificazione, tuttavia, cerca di accettare tutte le cose come (ricevute) dalla Mano di Dio. Egli vede la volontà di Dio in ogni situazione. Comprende che Dio sta lavorando con essa, spingendola nella santificazione. Pertanto, essa non vede la Volontà di Dio come una spada tagliente, ma come un fascio di luce ardente che illumina il cammino che è chiamata a seguire. Il non ordinato amore di sé non può scegliere il Divino Amore, perché i due sono in conflitto proprio come la carne si oppone allo spirito. Ma questo Messaggio delle Camere dei Cuori Uniti chiama ognuno a togliere il vecchio e a mettere il nuovo. Questa è l’essenza della santità.”

 

Molto spesso l’unica cosa che blocca la via della santità è un cuore invidioso

28 gennaio 2002 – “Sia lodato Gesù. Oggi sono venuto a parlarvi ancora una volta della santità. Molto spesso l’unica cosa che blocca la via della santità è un cuore invidioso. Ciò è perché le persone generalmente non riconoscono questa forma di male nei loro cuori e, quindi, non lo sradicano. L’invidia è solo un’altra forma dell’amore di sé. L’anima che è egocentrica viene consumata col nutrire i propri bisogni spiritualmente, fisicamente ed emotivamente. Essa è insidiosamente piena del desiderio di essere l’aspetto più bello, di avere i migliori vestiti, la casa migliore, la famiglia migliore, la reputazione migliore. Spesso l’invidia può essere individuata attraverso uno spirito ambizioso. Il tipo di invidia più offensivo per Gesù è l’invidia spirituale. La persona vuole che tutti sappiano delle grazie che riceve come se essa fosse l’autore di ogni grazia e di come le meritasse. Ma l’invidia va oltre il desiderio del meglio. L’invidia vuole quello che il suo vicino ha. Non è felice della fortuna del suo prossimo, fisica, spirituale o emotiva, ma vuole tutto ciò che il suo prossimo ha per se stessa. Così potete vedere, che l’ambizione si trasforma in avidità, e l’avidità in gelosia. Ma alla radice di ogni invidia c’è lo stesso auto-consumante amore di sé che è alla radice di ogni peccato. Se questo auto-assorbimento lo si lascia incontrollato, esso galoppa via come un cavallo in fuga che tiene prigioniero il cuore, assicurando la distruzione spirituale. L’anima che cede all’invidia non capisce il suo posto davanti a Dio. Se lo facesse, accetterebbe la Volontà di Dio nel momento presente e desidererebbe non di più – non di meno – di questa porzione per se stessa.

 

Sono venuto ad elaborare sul Regno del Divino Amore

20 febbraio 2002 – San Tommaso d’Aquino si inchina verso il Santissimo Sacramento, si gira verso di me e dice… “Sia lodato Gesù. Sono venuto ad elaborare sul Regno del Divino Amore – il Cielo stesso, di cui il Signore ha iniziato a parlarti al riguardo. In questo Regno tutti i sensi che il corpo aveva nel mondo sono assistenti all’anima in Cielo. Ma nel Regno del Divino Amore, i sensi sono purificati proprio come l’anima è purificata. Non c’è più dolore, non c’è più impedimento di qualsiasi tipo. L’anima vede il colore nella sua forma più pura – colori che non sapeva esistessero. Egli ode, vede e parla alla Santissima Trinità, agli angeli e ai santi. Può tenere più di una conversazione alla volta perché non ci sono costrizioni di tempo o di spazio. L’anima può bilocare, anche essere in più posti in Paradiso contemporaneamente. Tutta la conoscenza è data ad ogni anima ed è perfetta. Tutta la verità è conosciuta e accettata. Ciò che è era ritenuto fragile e vulnerabile sulla terra è forte in Cielo. La parte migliore del Cielo, tuttavia, è che l’amore è perfetto. Nulla interferisce con il tuo amore per la Beata Trinità. Ogni anima loda e adora Dio per sempre. Poi naturalmente, l’anima ha accesso illimitato alla Santa Madre di Dio. Desideri il suo tenero abbraccio? È dato. Le vuoi parlarle in privato? Scegli il tuo tempo. Vuoi che Ella preghi con te in intercessione? Non ti rifiuterà mai, così come non rifiuta mai nessuno ora. In Cielo Ella ti accompagnerà al trono di Suo Figlio e metterà le tue richieste ai Suoi Piedi. Questo è ciò che il perfetto amore è. Questa è la bellezza della perfezione. Questo è il paradiso a cui ognuno è chiamato e per cui è stato creato.”

 

Il Regno della Divina Volontà e il Regno del Divino Amore sono uno

21 febbraio 2002 – San Tommaso d’Aquino. Si inchina all’ostensorio e dice… “Sia lodato Gesù. Sono venuto a invitare tutti a comprendere che, poiché le anime del Cielo sono in unione con la Divina Volontà di Dio, le anime in tale unione sulla terra possiedono il Regno del Divino Amore nel loro cuore. Tenete sempre a mente che il Regno della Divina Volontà e il Regno del Divino Amore sono uno. I due non esistono separati. Fatelo conoscere.”

 

Vengo ad aiutarvi a comprendere la stretta alleanza tra la Rivelazione dei Cuori Uniti e il nuovo dogma

23 febbraio 2002 – “Sia lodato Gesù. Vengo ad aiutarvi a comprendere la stretta alleanza tra la Rivelazione dei Cuori Uniti e il nuovo dogma. Prima di tutto, è importante che pensiate al Cuore di Maria come a un passaggio Santo e Sacro tra il Cuore di Gesù e tutta la terra. Nessuna grazia viene sulla terra se non attraverso questo corridoio. Poiché l’Immacolato Cuore di Maria è il Santo Amore (Holy Love) e il Santo Amore è la Divina Volontà di Dio, si può dire che ogni grazia che Dio vuole per il mondo è mediata attraverso il Santo Amore. Ne consegue che la Vergine Maria è la Mediatrice. Poi, comprendete che, poiché il Cuore di Maria è unito al Cuore di Suo Figlio, Ella ha sofferto integralmente la Sua Passione. Ella non era solo una spettatrice, ma soffrì la Passione unita a Gesù. Le sue ferite erano mistiche soltanto perché l’unione dei Due Cuori è mistica. Pertanto, Ella è la Corredentrice. Come Avvocata, comprendete che il passaggio del Cuore Immacolato di Maria è un passaggio a doppia direzione. Ogni preghiera e sacrificio che chiunque dà a Gesù passa prima attraverso il Cuore di Sua Madre. All’interno della Fiamma del Suo Cuore la Beata Madre purifica ogni petizione e sacrificio prima di inviarla al Cuore del Suo Amato Figlio. Pertanto, Ella è l’Avvocata. Meditate su queste verità. Vi aiuterò a comprenderle.”

 

Pregate affinché la grazia della Verità venga oggi dentro il vostro cuore

22 marzo 2002 – “Sia lodato Gesù. Oggi sono venuto per aiutarvi a comprendere questo principio molto semplice. Questo è ciò che determina il destino dell’anima -anzi, il suo posto per tutta l’eternità. Ciò che è tenuto come più caro e prezioso al centro di ogni cuore è il dio che la persona adora. Questa è la ragione per la quale ogni anima deve scrutare il proprio cuore ogni giorno e, di momento in momento, determinare l’oggetto o gli oggetti del suo più grande affetto. Pregate affinché la grazia della Verità venga oggi dentro il vostro cuore. Alcune persone per tutte le intenzioni e scopi sembrano sante, ma questo è soltanto all’esterno. Nei loro cuori esse custodiscono gelosamente la loro reputazione. Altre adorano il denaro e tutto ciò che esso può comprare – vestiti, case e anche il potere. Ma Dio ricerca l’umile, il semplice, il senza pretese. Non cerca nemmeno i grandi intelletti. L’intelletto può essere un grande ostacolo, vi dico, a meno che non sia umilmente sottoposto alla Volontà di Dio. Ed è soltanto allora che Dio rivela la Sua Verità al cuore. Ogni cosa nel cuore deve essere purificata nella Fiamma del Santo Amore, spogliata dell’interesse personale e arresa a Dio affinché lo usi come Egli vuole. Tutto ha uno scopo e un posto nel Piano Onnisciente di Dio, dal clima all’esposizione del male nei cuori, al più grande sacrificio: la Crocifissione. Il più delle volte la pienezza della Volontà di Dio non è rivelata al semplice uomo. Qui è dove ognuno è chiamato a fidarsi. La fiducia è il banco di prova dell’amore.”

 

L’intelletto deve essere addomesticato, proprio come una bestia selvaggia viene domata

23 marzo 2002 – “Sia lodato Gesù. Pensavo che non sarei mai giunto qui.” (sono stato ritardato per vari motivi.) Quando siete distratti dagli affari del mondo o dai problemi da altro, il Signore Gesù si sente abbandonato perché Egli non è più al centro del vostro cuore”. Ma ascoltate ciò che sono venuto a dirvi. L’intelletto è una cosa delicata. Se è governato dall’orgoglio, fa sì che ogni tipo di peccato ed errore entri nel cuore. Questo è il modo con il quale il discernimento oltrepassa la linea del giudizio. È come la custodia della reputazione diventa più importante del commettere il peccato -peccati di calunnia, di furto, aborto e di molteplici altri. L’intelletto deve essere addomesticato, proprio come una bestia selvaggia viene domata. L’intelletto deve porsi sotto il dominio di un cuore umile, amorevole e semplicistico. Ed è soltanto così che l’anima che Dio ha creato può essere unita al suo Creatore. Per avanzare in queste virtù di umiltà, amore e semplicità, l’anima deve chiedere al Signore la grazia della conoscenza di sé per vedere dove sta mancando in queste virtù. Senza il coraggio di fare ciò, non vincerà mai il suo disordinato amore per se che motiverà i suoi pensieri, le sue parole e le sue azioni. È solo quando l’intelletto e il Santo Amore nel cuore lavorano in unità che l’anima avanza attraverso le Camere dei Cuori Uniti”.

 

Comprendete che la Verità spoglia l’anima di ogni pretesa e superbia

25 marzo 2002 – “Sia lodato Gesù. Comprendete che la Verità spoglia l’anima di ogni pretesa e superbia. La verità permette all’anima di vedere sé stessa cosi come si trova davanti a Dio. Questa è l’umiltà stessa. Ognuno dovrebbe pregare ogni giorno per questa grazia. Mai gonfiarsi col pensare di sé di essere santo. Questa è una delle menzogne di Satana.”

 

La fiducia, ricordate, è il terreno di prova dell’amore, la sostanza dell’amore

3 aprile 2002 – “Sia lodato Gesù. Sono venuto ad aiutarvi a comprendere che c’è un filo conduttore che corre lungo l’arazzo della vita di ciascuno. È fiducia nella volontà di Dio. Ad ogni anima viene offerta l’opportunità nella sua vita di praticare la fiducia. La fiducia, ricordate, è il terreno di prova dell’amore, la sostanza dell’amore. Il Signore sta indietro e osserva pazientemente come ognuno si occupa di queste opportunità dell’avere fiducia. Più l’anima si fida della Divina Provvidenza, più profondamente è attirato dentro Stanze dei Cuori Uniti. Satana, naturalmente, cerca di indebolire la fiducia e presenta dubbi e paure al cuore. Queste ansie allontanano l’anima dal sentiero della santità e distruggono la pace di ciascuno che cede a tali preoccupazioni. Allora, imparate a riconoscere il nemico, quando attacca in questo modo. Tutto ciò che si oppone alla fiducia viene dall’avversario. Stringete il tessuto dell’arazzo che Dio crea nella vostra anima attraverso la fiducia. Non permettete al nemico di svelare questa preziosa opera.

 

Vengo a voi oggi per parlare dei recenti scandali all’interno della Chiesa

21 aprile 2002 – “Sia lodato Gesù. Vengo a voi oggi per parlare dei recenti scandali all’interno della Chiesa. Alcuni eretici usano questi sventurati scandali come piattaforma per promuovere sacerdoti sposati e donne preti. Essi trascurano il fatto che il Santo Padre ha già preso decisioni contro entrambi. Il celibato non è la causa di questi problemi. È il male che è nei cuori, che è la causa. Voi non legalizzereste mai i furti perché molte persone rubano. Perché cambiare le leggi stabilite dal Santo Padre perché alcuni sono troppo deboli e aperti al male per obbedire alle leggi. Ricordate che la causa di ogni peccato è il fallimento nel Santo Amore (Holy Love). Il peccatore pone l’amore al peccato al di sopra dell’amore di Dio e del prossimo. Nel caso di questi scandali, altrettanto colpevoli se non di più, sono coloro che li permettono -quelli che hanno coperto il crimine. Chiedere perdono a posteriori non è di molta consolazione per la perduta dell’innocenza delle vittime. Dobbiamo pregare perché la Chiesa sia guarita dall’interno all’esterno. Dobbiamo pregare affinché, man mano che Essa sarà spogliata e purificata, il resto fedele resti ancorato alla (loro) fede”.

 

Attenzione all’anima auto-soddisfatta

29 giugno 2002 – San Tommaso d’Aquino. Si inchina all’Ostensorio e dice… “Sia lodato Gesù. Attenzione all’anima auto-soddisfatta. Un’anima che non cerca una spiritualità più profonda è un’anima tiepida. La sua auto-soddisfazione minaccia la sua stessa salvezza; perché il Signore offre ed essa rifiuta, pensando di non aver bisogno di più conoscenza di sé -essa ha tutta la grazia di cui ha bisogno. Questo è lo stesso della superbia. È tale l’arroganza spirituale nei cuori che rifiutano la rivelazione privata, presumendo che essi non hanno bisogno di nuove devozioni, e certamente nessun ‘presunto’ consiglio dal Cielo. Tale è questo pensare, che essi hanno le risposte e credono di essere salvati. Ma nello stesso respiro, essi si lasciano sfuggire ciò che e ovvio – la possibilità di diventare santi ed entrare nel Regno sulle ali dell’amore e dell’umiltà. Sì, è una cosa molto pericolosa essere soddisfatti di se stessi – di essere spiritualmente compiaciuti. È un segno per il Cielo che si è interessati alla salvezza soltanto alle proprie condizioni. Fate attenzione a ciascuna di queste trappole che Satana pone a voi.”

 

Come può il popolo di Dio combattere il male che ha avvolto i suoi tentacoli attorno alla nostra società

1 luglio 2002 – “Sia lodato Gesù. Oggi la coscienza del mondo è diventata ottusa – cioè spiritualmente cieca. È come se una forza abbia una stretta sul cuore del mondo che gli impedisce di discernere il male. Tutto ciò che attira l’attenzione dei media: terrorismo, violenza, aborto, pedofilia, omosessualità e persino femminismo liberale sono spiriti maligni. Coloro che praticano queste cose stanno cooperando con Satana. Voi non leggerete ciò sui giornali né lo sentirete alla televisione, perché la spinta è oggi quella di affrontare il problema (se è visto come un problema), e non la causa di esso che è il male stesso. Come può il popolo di Dio combattere il male che ha avvolto i suoi tentacoli attorno alla nostra società – anche alle nostre chiese e seminari? Chiamala così com’è. Non siate condiscendenti con il male essendo muti o accettando la terminologia che Satana ispira, quale: stile di vita alternativo, planned parenthood (catena di cliniche per aborti americana), linguaggio inclusivo, libertà di scelta e altro ancora. Mostrate il male per quello che è. Pregate il Rosario – l’arma preferita contro Satana. Non è un caso che anche molti di coloro che abbracciano questi spiriti maligni anche si oppongono al Rosario. Fare ore sante di adorazione. Ogni ora santa indebolisce il regno di Satana. Fate dire Messe per coloro che cooperano con il male. La Messa è la preghiera più potente. Soprattutto, non tacete. Siate una forza vocale contro Satana nel mondo di oggi.”

 

Dio, sapete, non è mai ingannato dalla pretesa esteriore

24 luglio 2002 – San Tommaso d’Aquino. È in piedi accanto a una scala. Egli dice… “Sia lodato Gesù. Oggi sono venuto per darvi questa illustrazione del viaggio di un’anima nella Quarta Camera del Divino Amore. La scala rappresenta la Terza Camera dei Cuori Uniti che è la perfezione della virtù. Ogni gradino è una virtù. Le ringhiere laterali a cui l’anima deve tenersi per salire questa scala rappresentano l’umiltà e l’amore. Ogni virtù è legata in modo stretto alla Santa Umiltà, il Santo Amore. Se essa non lo è, diventa instabile e s’indebolisce. La virtù stessa diviene falsa. L’anima che sta cercando di salire, scivola facilmente all’indietro. Vi do questa grafica per mostrarvi quanto siano importanti l’umiltà e l’amore nella vita spirituale. Dio, sapete, non è mai ingannato dalla pretesa esteriore. Egli vede chiaramente in ogni cuore. Infatti, l’umiltà è sapere che non siete altro che quello che siete agli Occhi di Dio. Il vero Santo Amore ama la Divina Volontà di Dio nel momento presente. Nessuna di queste virtù può essere acquisita attraverso l’intelletto, ma soltanto nel cuore; cioè, voi non siete affettuosi e umili pensando di esserlo. Queste virtù giungono attraverso la cooperazione dell’anima con l’azione della Divina Volontà nella sua vita. Entrambe queste virtù richiedono una diminuzione dell’amore a se stessi. Più l’anima perde la vista di sé, più Dio riempie il vuoto. Queste due virtù lavorano insieme nel cuore per condurre l’anima nella Quarta Camera. Una non può lavorare senza l’altra. Senza di esse le altre virtù non entrano nel cuore. Vi rivelo ciò per facilitare la salita. Pregate per essere sempre aperti alla Volontà di Dio per voi”.

 

Descriverò per voi l’anima amorevole e umile come un obiettivo a cui tendere

26 luglio 2002 – “Sono venuto in lode a Gesù, nato Incarnato. Affinché l’anima faccia un’ascesa costante sulla la scala della virtù, deve avere le mani saldamente piantate su entrambi i corrimano della scala – il Santo Amore e la Santa Umiltà. Mentre sale, essa si alza più in alto su ogni lato per tirare sé stessa verso il passo successivo. Questa azione rappresenta l’impegno più profondo dell’anima per l’amore e l’umiltà. Descriverò per voi l’anima amorevole e umile come un obiettivo a cui tendere. Tale anima pone sempre Dio al primo posto, davanti a sé e al prossimo. Per farlo, i suoi pensieri, le sue parole e le sue azioni sono volti a compiacere il massimo oggetto del suo amore. Attraverso l’amore di Dio, l’anima ama il suo prossimo, vedendo la creazione di Dio nel suo prossimo. Per amore del cielo, cerca di superare l’amore disordinato di sé. Questa azione abbraccia l’umiltà. L’anima umile considera tutti gli altri più santi di lui. Essa conosce il suo posto davanti a Dio e cerca di compiacere Dio. Non cerca difetti negli altri, ma cerca il bene. Essa è sottomessa alla Volontà di Dio in tutte le cose e in ogni modo. Essa usa i beni del mondo per dare gloria a Dio. Nel fare ciò, non considera il costo per se stessa. Questo significa che non guarda a come ogni cosa influisce su di lei. I suoi pensieri, le sue parole e le sue azioni sono rivolti a Dio, non a sé stessa e al mondo. In sostanza perde di vista sé stessa. Non si preoccupa per la sua reputazione nel mondo, ma solo della sua relazione con Dio. Questi corrimani (della scala) del Santo Amore e della Santa Umiltà non sono sempre facili da tenere saldi. Satana cerca di ungerli con le sue tentazioni in modo che l’anima perda la presa. È solo con l’aiuto della grazia del Cuore della Nostra Madre Celeste che l’anima può anche riprendere la salita. Se la mano dovesse scivolare da una parte o dall’altra, la Madre Celeste è lì, a rimettere la mano – dito per dito – di nuovo dove essa era.

 

Se volete conoscere il Cuore di Dio, ascoltate e seguite questi Messaggi

7 settembre 2002 – San Tommaso d’Aquino recita le Lodi Divine, poi dice… “Tutte le lodi siano date a Gesù. Sono venuto a chiedere a coloro che ascoltano questi Messaggi riguardo alle Camere dei Cuori Uniti di smettere di giudicare il messaggero e di vivere il Messaggio. Chi tra voi, dopo tutto, si ritiene degno di ricevere un tale messaggio. In Verità, nessuno è degno. Tuttavia, questo Messaggio è stato dato liberamente al mondo attraverso l’Amore e la Misericordia di Dio. La scelta che Egli fece riguardo al Suo messaggero, anche se apparentemente improbabile, tuttavia è una scelta di Dio. Se volete conoscere il Cuore di Dio, ascoltate e seguite questi Messaggi che vi guidano al Suo Cuore. Se volete sapere come sarete giudicati per tutta l’eternità, leggete i Messaggi. Se volete diventare santi, aderite a questi Messaggi fino a quando il vostro cuore è uno con essi. Nessuno può veramente seguire questo cammino spirituale senza essere attirato dentro la Divina Volontà di Dio, e senza essere attirato verso una vita profondamente sacramentale. Guardate oltre ogni difetto che percepite riguardo alla scelta di Dio del Suo messaggero. Dopo tutto, Dio non può errare. Guardate oltre la mancanza di approvazioni da alti poteri (della gerarchia ecclesiastica) che, in Verità, non sono necessari per il vostro credere in questa Rivelazione. In futuro, quando arriveranno le approvazioni, voi avrete perso un’occasione d’oro per diventare migliori spiritualmente – perfino santi”.

 

Sono venuto ad aiutarvi a comprendere la differenza tra la presunzione e la speranza

22 settembre 2002 – San Tommaso d’Aquino. Si inchina al Tabernacolo e dice… “Sia lodato Gesù. Sono venuto ad aiutarvi a comprendere la differenza tra la presunzione e la speranza. Esse sono opposte. La presunzione dà per scontata – la grazia. La persona presuntuosa pensa di avere ciò che non ha. Non concede, nel suo cuore, spazio all’azione della Divina Volontà di Dio. Sarebbe come una nave catturata in un mare turbolento che pensa di essere attraccata (al molo) in sicurezza. La speranza, d’altra parte, è una virtù che pratica la fede in attesa. La persona che spera crede che Dio possa compiere qualsiasi cosa se è la Sua Volontà di volerlo fare. Egli affida i suoi bisogni e le sue richieste al Signore e gli permette di rispondere come Egli Vuole. Nella speranza, egli può anche ringraziare Dio in anticipo per qualsiasi decisione Divina essa possa essere. La differenza è: non presume la risposta alla sua richiesta. Egli sarebbe (come) la nave persa in mare, che prega con fede in attesa di trovare un porto sicuro. È molto importante rendersi conto che Satana può imitare qualsiasi dono dello Spirito Santo. La persona presuntuosa crede che ogni ispirazione provenga da Dio e non mette alla prova lo Spirito. Ricordate, l’unica virtù che Satana non può imitare è l’umiltà, perché non la capisce nemmeno. Quindi, nell’umiltà, siate certi di non presumere di avere un certo dono o virtù.”

 

Sono venuto ancora una volta per discutere con te della differenza tra la speranza e la presunzione

22 settembre 2002 – San Tommaso d’Aquino. Si inchina verso di me dicendo…  “Sia lodato Gesù sempre presente nel tuo piccolo cuore quando abbracci il Santo Amore (Holy Love). Sono venuto ancora una volta per discutere con te della differenza tra la speranza e la presunzione. La virtù della speranza procede da un cuore pieno di Santo Amore, Santa Umiltà e Santa Fiducia. Un tale cuore è in grado di sperare basandosi sulla fede che Dio desidera solo ciò che è il meglio per lui. La presunzione si basa sulla superbia. L’anima presuntuosa considera tutte le cose attraverso gli occhi del disordinato amore di sé. Egli può presumere che sarà salvato anche se conduce una vita impenitente di peccato. Crede che riceverà la salvezza alle sue condizioni, non a quelle di Dio. Tale anima confida solo in sé stessa e non fa concessione alcuna per Volontà di Dio. Ci sono (persone) oggi nel mondo – anzi in posti prominenti, che credono di avere certe virtù o addirittura certi doni dello Spirito Santo. Ma, ancora una volta vi dico che ciò che non si basa sull’umiltà del cuore è una contraffazione di Satana.”

 

Sono venuto ad aiutarvi a comprendere meglio l’abbandono fiducioso

25 settembre 2002 – “Sia lodato Gesù. Sono venuto ad aiutarvi a comprendere meglio l’abbandono fiducioso. Ancora una volta vi ricordo che l’umiltà e l’amore sono il fondamento della fiducia. Quando vi fidate, credete che nessun danno verrà a voi al di fuori della Volontà di Dio. Capite che la Volontà di Dio per voi è sempre la vostra salvezza. Quando vi arrendete alla Volontà di Dio, questo significa che rinunciate alla vostra volontà. Quindi, nell’abbandono fiducioso, voi avete fiducia che la Volontà di Dio è sempre il meglio per voi, e arrendete i vostri desideri e opinioni riguardo al risultato di qualsiasi situazione, cioè, lasciate fare a Dio.”

 

La Santa Madre mi ha inviato a parlarvi del Rosario

7 ottobre 2002 – San Tommaso d’Aquino si inchina davanti al tabernacolo e dice… “Sia lodato Gesù. La Santa Madre mi ha inviato a parlarvi del Rosario. Alcune persone – anche i leaders della Chiesa, lo minimizzano. Ma il potere del Rosario non è cambiato nel corso dei secoli. Se lo pregaste di più, l’aborto sarebbe riconosciuto per ciò che è. L’accettazione dell’aborto da parte dei leader di qualsiasi paese mette il paese in pericolo; soltanto per questo peccato si hanno guerre, disastri naturali, confusione politica e collasso economico. La devozione al Santo Rosario pone l’anima sotto la protezione della Beata Madre – di sicuro un luogo nel quale chiunque dovrebbe cercare di essere in questi tempi. Portare con voi il Rosario è un segno per Satana che appartenete a Maria. La meditazione sui misteri del Rosario avvicina l’anima di più a Gesù, e lo porta lontano dal peccato. Il Rosario è un’arma decisiva contro il regno di Satana in questo mondo. Una volta che l’anima inizia la recita quotidiana del Rosario, la Beata Madre lo segue – cercando la sua santità e il suo più profondo impegno per la preghiera. Rendete noto questo.”

 

Parliamo della paura

21 ottobre 2002 – “Sia lodato Gesù. Parliamo della paura. Se il cuore è pieno di Santo Amore (Holy Love), in esso non c’è spazio per la paura. La Scrittura lo cita: ‘Non abbiate paura; solo credete. (Marco 4:40). La profondità con cui uno ama Dio è la profondità della sua fiducia. Allora, vedete che le imperfezioni verso il Santo Amore aprono la porta alla paura. Oggi, quelli che dipendono su se stessi e sul mondo che li circonda hanno tutte le ragioni per avere paura – per se stessi in quanto non sono capaci di nulla di buono. Piuttosto, tutto il bene viene da Dio. Le anime che non amano abbastanza profondamente non possono comprendere i modi con cui Dio risponde alle preghiere e diventano impazienti nell’aspettare i tempi di Dio. Le anime che non pregano e non vedono la mano di Dio in ogni svolta degli eventi sono quelle che hanno paura, che incolpano e che non possono perdonare. Forse ne avete conosciute alcune di queste. Perciò, il comprendere ogni cosa nel regno spirituale ruota intorno alla profondità del Santo Amore nel cuore.”

 

Ciò che si oppone all’amore di Dio e del prossimo è sempre radicato nell’amore eccessivo di sé.

2 novembre 2002 – “Sia lodato Gesù. Sorellina (alla veggente), ascolta e comprendi che la sostanza di ciò che è nello spirito del cuore è sempre il Santo Amore e/o il Divino Amore; o è tutto ciò che si oppone. Ciò che si oppone all’amore di Dio e del prossimo è sempre radicato nell’amore eccessivo di sé. La persona cede alle tentazioni perché vede che esse lo beneficheranno in qualche modo. Pertanto, egli ama il peccato più di Dio e del prossimo, e si pone al primo posto davanti al Santo Amore. Così, quando vi viene chiesto di pregare con il cuore, dovete pregare con il Santo Amore nel vostro cuore. Rendete noto questo.”

 

Sono venuto ad aiutare ognuno a vedere che il vero nemico è ciò che si oppone al Santo Amore nel cuore

11 novembre 2002 – “Sia lodato Gesù. Sono venuto ad aiutare ognuno a vedere che il vero nemico è ciò che si oppone al Santo Amore nel cuore. È sempre insidioso – a volte anche rivestito di rettitudine. Ma la causa è sempre l’interesse personale, l’amore di sé, sopra e davanti a Dio e al prossimo. Esso può giungere al cuore come critica negativa verso gli altri – presto generando imperdonabilità – poi amarezza. L’amore di sé invita l’anima a criticare gli altri, tenendosi così in maggiore stima. Può essere amore ai beni materiali, sensualità o persino amore per la propria opinione che allontana il Santo Amore dal cuore. Ma dove inizia il cancro che esaurisce il Santo Amore, è sempre il disordinato amore di sé. Ecco perché il processo di conversione inizia sempre con l’amare Dio più di sé stessi. È questo amore che apre il cuore alla Fiamma del Santo Amore.”

 

Il Santo Amore – che è il Cuore Immacolato di Maria, è la porta d’accesso alla Nuova Gerusalemme

13 novembre 2002 – “Sia lodato Gesù. Vi prego di comprendete, piccola (alla veggente), il Santo Amore – che è il Cuore Immacolato di Maria, è la porta d’accesso alla Nuova Gerusalemme. Allora comprendi che la Nuova Gerusalemme è il Divino Amore, il Sacro Cuore di Gesù. Il Divino Amore, il Cuore del nostro Salvatore, è il regno che viene. Queste verità restano molto al di sopra di te. Forse in questa vita non riuscirai mai ad afferrarle. Quando tu preghi perché venga il regno “sulla terra come è in Cielo”, stai pregando perché ogni cuore entri nel Divino Amore. Facendo un passo oltre – il Divino Amore è l’unità con la Divina Volontà di Dio. Così il regno a venire è lo stabilirsi della Divina Volontà di Dio regnante in ogni cuore. Ecco un altro precetto. Non puoi separare il Divino Amore dalla Divina Volontà di Dio. Sarebbe come cercare di separare il bianco dal tuorlo dopo che l’uovo è stato strapazzato. Il cuore umano che vive spiritualmente di concerto con il Divino Amore è consumato dalla Fiamma del Divino Amore fino a quando non si è uno. Forse potreste paragonare le note di una sinfonia al cuore che vive nel Divino Amore. L’intera orchestrazione è la Volontà di Dio e sarebbe impossibile separare le note da essa. Allora, ti ho dato molto da contemplare (Mi benedice e sorride).”

Fonte: Holy Love Ministries

 

 

 
  • La Veggente Maureen Sweeney-KyleEro all’Adorazione in una chiesa del vicinato e la Madonna improvvisamente era al fianco dell’Ostensorio – Non volgeva mai le spalle a Gesù nel Santissimo Sacramento. Aveva un rosario dai grossi grani tra le mani e pensai: Sono l’unica a vederla?
  • La Missione del Santo Amore (Holy Love Ministries)Giunge Gesù… trae un diamante dalla ferita al suo fianco e dice… “Figlia, questo gioiello che è ricoperto dal Sangue e l’Acqua del vostro Gesù, nato Incarnato, è questa Missione stessa. Anche se molti possono sfidarla, competere con essa e non crederci, Io la sostengo attraverso il Potere e la Protezione del Mio Sangue Prezioso”. ...
  • I Santi Patroni del Santo Amore (Holy Love Ministries)San Teresa di Lisieux, San Pio da Pietrelcina e San Michele Arcangelo sono i Santi Patroni del Ministero del Santo Amore  (Holy Love Ministries)